Qualità dell’ambiente urbano – XI Rapporto. Edizione 2015

RifiutiL’XI Rapporto, realizzato dal Sistema Nazionale per la Protezione dell’Ambiente (ISPRA/ARPA/APPA), presenta i dati relativi alle principali tematiche ambientali in 85 città italiane, in particolare il capitolo sui rifiuti illustra i dati sulla produzione di rifiuti urbani e raccolta differenziata.
Dal capitolo relativo a rifiuti urbani e raccolta differenziata presente nel rapporto “Qualità dell’ambiente urbano” , curato ogni anno da ISPRA, emerge che la produzione pro capite di rifiuti urbani nelle 85 città italiane prese in esame risulta superiore alla media nazionale, che nel 2014 si è attestata a 480 kg circa pro capite.
Le 85 città hanno, in media, una produzione di rifiuti urbani pari a 550 kg/abitante per anno, che significa circa 62 kg/anno per abitante in più rispetto al dato medio nazionale.
Due i possibili fattori che possono essere causa della maggiore produzione di rifiuti:

  1. la presenza di un numero maggiore di attività lavorative, in particolare nel settore terziario, che si concentrano, in genere, nei centri urbani più grandi;
  2. l’afflusso di turisti, molte delle 85 città esaminate sono importanti mete turistiche del nostro Paese.

Nel 2014 le città con i valori di produzione pro-capite più alti sono state Olbia (794 kg/abitante anno) e Pisa (793 kg abitante anno), al contrario i dati più bassi vengono riscontrati a Asti, Trieste, Trento, Campobasso, Teramo, Monza, Viterbo, Potenza, Cosenza, Novara, Benevento ed Andria, tutte al di sotto dei 450 kg/abitante per anno.
Il rapporto mette in luce che la produzione totale di rifiuti urbani è diminuita negli ultimi tre anni (2012-2014), ma non in tutte le città italiane.
A fronte di situazioni di decremento anche superiori al 10%, ve ne sono altre che fanno registrare un aumento della quantità di rifiuti prodotti.

Raccolta differenziata
Le 85 città prese in esame dal rapporto di ISPRA contribuiscono per quasi il 27% al totale nazionale della raccolta differenziata, si tratta di circa 3,6 milioni di tonnellate.
Una delle città con la più alta percentuale di raccolta differenziata è Pordenone, che raggiunge una percentuale superiore al 79%, seguita da Trento con il 76% e Treviso con oltre il 70%.

(Fonte: ISPRA)