Le principali novità della nuova edizione della UNI CEI 11352

UNI CEI 11352: Gestione dell'energia - Società che forniscono servizi energetici (ESCo)Lo scorso 17 aprile è stata pubblicata la nuova versione della norma UNI CEI 11352, relativa alle Energy Service Company (ESCO), che sostituisce la precedente edizione del 2010.

La norma UNI CEI 11352:2014 definisce i requisiti generali delle società (ESCO) che forniscono ai propri clienti servizi volti al miglioramento dell’efficienza energetica conformi alla norma UNI CEI EN 15900, con garanzia di risultati.

In particolare, la nuova edizione descrive i requisiti generali e le capacità (organizzativa, diagnostica, progettuale, gestionale, economica e finanziaria) che una ESCO deve possedere per poter offrire i servizi di efficienza energetica presso i propri clienti.
Fornisce, inoltre, una lista di controllo per la verifica delle capacità delle ESCO (Appendice A) e i contenuti minimi dell’offerta contrattuale del servizio di miglioramento dell’efficienza energetica (Appendice B).
Rispetto alla precedente edizione ci sono alcune importanti novità:

  1. sono state inserite le norme tecniche di settore (UNI CEI EN 15900:2010 – UNI CEI EN 16247-1 – UNI CEI/TR 11428);
  2. è stata recepita della UNI CEI EN 15900:2010;
  3. l’Appendice A è diventata normativa;
  4. sono stati rafforzati e dettagliati i requisiti minimi dell’offerta, i requisiti minimi per la certificazione (capacità di svolgere tutte le attività di cui al par. 4.2), i requisiti relativi all’outsourcing, i requisiti della diagnosi energetica.

La pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, lo scorso 18 Luglio, del Decreto Legislativo 102/2014 che recepisce in Italia la Direttiva 2012/27/UE, contribuisce alla promozione del miglioramento dell’efficienza energetica e all’uso delle norme tecniche di settore e dello strumento della certificazione. Il decreto contiene esplicito riferimento alla UNI CEI 11352, in particolare:

  1. le grandi imprese (cioè le imprese che occupano più di 250 persone, il cui fatturato annuo supera i 50 milioni di euro o il cui totale di bilancio annuo supera i 43 milioni di euro) sono obbligate ad eseguire una diagnosi energetica, condotta da società di servizi energetici, esperti in gestione dell’energia o auditor energetici, nei siti produttivi localizzati sul territorio nazionale entro il 5 dicembre 2015 e successivamente ogni 4 anni; tale obbligo non si applica alle grandi imprese che hanno adottato sistemi di gestione conformi alla norma ISO 50001;
  2. entro il 19 luglio 2016, tali diagnosi dovranno essere eseguite da soggetti certificati secondo le norme UNI CEI 11352 e UNI CEI 11339 da parte di organismi accreditati; entro lo stesso termine, ESCO ed Energy Manager potranno partecipare al meccanismo dei certificati bianchi solo se in possesso di certificazione, rispettivamente, secondo le norma UNI CEI 11352 e UNI CEI 11339.

ICIM, grazie alle competenze ed esperienze maturate nel settore dell’efficienza energetica, è in grado di offrire un servizio di certificazione in conformità alla nuova norma UNI CEI 11352:2014, garantendo anche la possibilità di eseguire audit integrati con altre norme ad es. UNI EN ISO 9001, ISO 50001, e di certificazione della figura professionale dell’EGE – Esperto in Gestione dell’Energia