Plastica monouso: le linee guida della Commissione Europea

Dal 31 maggio 2021 la Commissione Europea applica le linee guida sulle regole dell’Unione Europea sulla plastica monouso legate alla Direttiva SUP (Single Use Plastics) relative alla riduzione dell’impatto ambientale e al divieto di introduzione sul mercato europeo di alcuni prodotti di plastica monouso.
Gli indirizzi che riguardano le norme sulla plastica monouso aspirano a semplificare un’applicazione corretta e armonizzata dei passaggi più importanti della direttiva soprattutto per quanto riguarda la definizione di plastica e di prodotti di plastica monouso fatti di plastica solo in parte o interamente.

La definizione di plastica comprende i materiali formati da un polimero al quale possono essere aggiunti additivi o altre sostanze a eccezione dei polimeri naturali che non hanno subìto modiche chimiche. Questa definizione copre anche la plastica di base biologica e biodegradabile.

La direttiva deve essere accolta nel diritto nazionale e applicata a partire dal 3 luglio 2021 quando gli Stati membri dovranno adottare misure affinché determinati prodotti di plastica monouso non siano più introdotti sul mercato europeo. Tra i prodotti segnalati ci sono, per esempio, i bastoncini cotonati, le posate, i piatti, le cannucce, le tazze, i contenitori per alimenti e bevande in polistirene espanso oltre a tutti i prodotti in plastica oxo-degradabile (materiale in grado di decomporsi all’aria, termine generalmente impiegato per le plastiche appositamente additivate con sostanze che favoriscono la degradazione delle molecole polimeriche in presenza dell’ossigeno ambientale).

Per prodotti come attrezzi da pesca, sacchetti di plastica monouso, bottiglie, articoli sanitari, ecc., vengono richiesti obbligo di etichettatura, responsabilità estesa del produttore, campagne di sensibilizzazione oltre a specifiche di progettazione, con l’obiettivo di limitarne l’uso, ridurre il consumo ed evitare che vengano dispersi nell’ambiente.
Inoltre, gli Stati membri, devono garantire che sui prodotti di platica monouso ci sia una marcatura che segnali la presenza di plastica nel prodotto e il modo migliore per smaltirlo.

A questo link si può consultare la bozza dello schema che il Ministero della Transizione Ecologica sta mettendo a punto per quanto riguarda l’Italia:

[Fonte ANIMA.IT]
9 giugno 2021