IV e V Conto Energia: smaltimento dei moduli fotovoltaici a fine vita

FotovoltaicoDal 1° luglio 2012, tra la documentazione utile per l’accesso alla tariffa incentivante del Quinto Conto energia (e anche del Quarto) il soggetto responsabile dell’impianto deve inviare al GSE un attestato di adesione del produttore dei moduli fotovoltaici a un Sistema o Consorzio, che garantisca la completa gestione a fine vita dei moduli stessi.
Per essere riconosciuti come tali, i Sistemi o i Consorzi devono essere in possesso di determinati requisiti stabiliti nel Disciplinare Tecnico per la definizione e verifica dei requisiti tecnici dei Sistemi/Consorzi per il recupero e riciclo dei moduli fotovoltaici a fine vita, pubblicato dal GSE.
Il 28 febbraio 2013 il Gestore dei servizi energetici – GSE – ha pubblicato il primo elenco dei Sistemi/Consorzi che sono risultati idonei per lo smaltimento dei moduli fotovoltaici a fine vita, fatte salve le verifiche antimafia che il GSE espleterà direttamente presso le competenti Prefetture.

Si ricorda che i “produttori” di moduli fotovoltaici installati su impianti entrati in esercizio nel periodo transitorio (1° luglio 2012 – 31 marzo 2013) dovranno aderire a uno di questi Sistemi/Consorzi. La mancata adesione nei termini stabiliti comporta la non ammissione agli incentivi dei nuovi impianti e l’annullamento della tariffa per gli impianti a cui è già stata riconosciuta, con conseguente recupero delle somme indebitamente percepite.

L’adesione ad un Sistema/Consorzio per lo smaltimento dei moduli fotovoltaici è uno dei principali requisiti in capo ai produttori di moduli fotovoltaici così come più volte riportato nelle precedenti News sia per il IV che per il V Conto energia.
Infatti come indicato nel DM del 5 luglio 2012 il premio per gli impianti che utilizzano componenti principali in Paesi UE/SEE viene rilasciato previo attestato di controllo del processo produttivo (Factory Inspection Attestation) in fabbrica al fine di verificare che le fasi di lavorazione indicate nelle Regole Applicative siano svolte nel sito produttivo ubicato in UE/SEE a prescindere dall’origine dei componenti.
L’Attestato di Factory Inspection deve essere rilasciato da un Organismo di certificazione avente i requisiti indicati nella Guida CEI 82-25. Il Soggetto responsabile, che intenda richiedere il premio, deve trasmettere al GSE copia degli Attestati sia per i moduli fotovoltaici che per l’inverter.

ICIM, in qualità di organismo di certificazione avente i requisiti tecnici indicati nella Guida CEI 82-25, è in grado di supportare tutti i produttori di moduli e inverter nelle richieste del V conto energia fornendo i seguenti servizi:

  1. certificazione di prodotto dei moduli fotovoltaici in conformità alle norme CEI EN 61215, CEI EN 61646, CEI EN 62108, CEI EN 61730;
  2. certificazione di prodotto moduli fotovoltaici integrati con caratteristiche innovative in conformità alle Regole del GSE;
  3. certificazione di prodotto di moduli fotovoltaici a concentrazione;
  4. certificazione di sistema ISO 9001, OHSAS 18001, ISO 14001;
  5. certificazione di prodotto di inverter in conformità alla CEI 0-21, EN 50178, EN 62109-1/2, Direttiva 2004/108/CE (EMC);
  6. attestato di factory inspection per componenti di origine UE/SEE;
  7. certificato di factory insepction;
  8. attestato di OEM.