F-Gas, Pubblicato in Gazzetta il D.P.R. 146/2018

Il 9 gennaio 2019 è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il D.P.R.16 novembre 2018, n. 146, contenente il Regolamento di esecuzione del regolamento (UE) n. 517/2014 sui gas fluorurati ad effetto serra e che abroga il Regolamento (CE) n. 842/2006 e che entrerà in vigore dal 24 gennaio 2019.
Il nuovo Decreto apporta una serie di novità.
Rispetto a quanto previsto dal D.P.R. 43/2012 si estende l’ambito di applicazione a nuove apparecchiature e attività per le quali è richiesta l’iscrizione e certificazione. Questo avviene a seguito dell’attuazione dei nuovi regolamenti di esecuzione 2067/2015/CE (che sostituisce il Reg. 303/08 – refrigerazione) e 2066/2015/CE (che sostituisce il Reg. 305/08 – commutatori).
Nello specifico il Reg. 2067/2015/CE richiede la certificazione anche alle persone che operano su celle frigorifero di autocarri e rimorchi frigorifero contenenti F-GAS oltre che su apparecchiature fisse di refrigerazione e condizionamento d’aria, pompe di calore fisse.
Introduce, poi, la certificazione anche per le persone che svolgono le seguenti attività:

  • assistenza;
  • smaltimento;
  • controllo delle perdite di apparecchiature contenenti F-GAS in quantità pari o superiori a 5 tonnellate di CO2 equivalente e non contenuti in schiume (a meno che le apparecchiature siano ermeticamente sigillate, etichettate come tali e contenenti F-GAS in quantità inferiori a 10 tonnellate di CO2 equivalente).

Il Reg. 2067/2015/CE amplia, poi, l’applicazione della certificazione alle imprese che svolgono per terzi le attività di smantellamento, oltre che all’installazione, riparazione, manutenzione o assistenza già precedentemente contemplate.
In ultimo, il Reg. 2066/2015/CE si applica alle persone fisiche addette all’installazione, all’assistenza, alla manutenzione, alla riparazione, alla disattivazione di commutatori elettrici contenenti F-GAS oltre al recupero dagli stessi.
I certificati e gli attestati emessi ai sensi del Regolamento (CE) n. 842/2006, restano validi conformemente alle condizioni alle quali sono stati originariamente rilasciati.
Il nuovo Decreto introduce anche un periodo di validità per gli attestati rilasciati dal Registro telematico. Infatti, tutte le persone fisiche e le imprese che, alla data di entrata in vigore del decreto, risultano iscritte al Registro telematico nazionale, devono conseguire i pertinenti certificati entro il termine di 8 mesi dall’entrata in vigore del decreto; analoga scadenza vale per i nuovi iscritti.

ICIM, già accreditato per la certificazione dei professionisti e delle imprese che operano con gas fluorurati a effetto serra (più di 10.000 persone e più di 5.000 aziende certificate), procederà con l’accreditamento alle nuove norme nei tempi stabiliti dal nuovo decreto ed è a disposizione per tutti i professionisti e le aziende per fornire supporto per il passaggio alla nuova normativa.

Per maggiori informazioni: Marta Loi (tel. 02 72534254, e-mail marta.loi@icim.it)

16 gennaio 2019