Esperienze di Smart Working

Come gestire la modalità di lavoro da remoto per raggiungere i risultati desiderati.

L’emergenza sanitaria che si sta vivendo oggi in Italia ha reso necessaria l’adozione di misure di tutela della salute favorendo il modello di Smart Working per le attività che possono essere svolte dal proprio domicilio. Ma l’immediatezza con cui il Governo ha deciso di adottare misure di prevenzione tali da chiudere interi comparti ha trovato il mondo produttivo impreparato ad affrontare modelli di lavoro mai sperimentati prima.
Modelli che con molta probabilità non potranno essere completamente abbandonati a conclusione della fase di emergenza perché difficilmente si potrà ritornare alla ‘normalità’ che abbiamo conosciuto finora!

Esperienze di Smart Working” è un racconto che nasce da queste premesse e dalle esperienze che tutti noi stiamo vivendo e intende sia facilitare la comprensione di che cos’è lo Smart Working, cosa comporta per l’azienda e il lavoratore e come deve essere gestito, sia offrire spunti di riflessione per nuovi modelli di lavoro.
È anche, e soprattutto, una raccolta di suggerimenti su come rendere efficace il lavoro da remoto e raggiungere i risultati desiderati elaborata da ICIM SpA sulla base delle proprie esperienze sul campo in materia di Smart Working.

“Esperienze di Smart Working” si compone di 2 parti.
La PARTE 1, già disponibile e consultabile su questo sito, indaga gli aspetti comportamentali più idonei per il lavoro da remoto. Si rivolge a chi, al di là del ruolo ricoperto in azienda, sta lavorando da remoto e a chi ricopre un ruolo di team leader, manager, responsabile e deve gestire il proprio gruppo di collaboratori con riunioni periodiche da remoto per la pianificazione delle attività, l’avanzamento dei lavori, la valutazione dei risultati.
La PARTE 2, che sarà disponibile prossimamente su questo sito, indaga gli aspetti tecnologici che sono a supporto dello Smart Working e si sofferma soprattutto sul tema della di sicurezza delle informazioni, indagando sia la sicurezza interna dei dati che la protezione dei dati aziendali da possibili attacchi esterni. Il tutto reso in un linguaggio semplice e comprensibile.

Per consultare “Esperienze di Smart Working, PARTE 1”, clicca qui.

16 aprile 2020