consumo sostenibileLe strategie per la produzione ed il consumo sostenibile prendono le mosse dall’evidenza che le attuali modalità di produrre e di consumare condizionano fortemente la dimensione ambientale, economica, culturale e sociale della presenza umana sul pianeta, determinando esaurimento delle risorse, inquinamento, disuguaglianze, disagi e tensioni sociali.
Oggi sempre più consumatori, anche gravati dalle condizioni di crisi, prestano attenzione agli sprechi e si informano prima di comprare.
Da questa evidenza scaturisce la principale necessità, quella di cambiare modo di produrre e consumare, affrontando in modo integrato tutti gli aspetti della sostenibilità (economici, ambientali e sociali).
Per chi produce o offre servizi diventa sempre più importante valutare e comunicare la propria “sostenibilità” in modo che rappresenti un elemento chiave di differenziazione sul mercato grazie al valore che questa riesce ad assicurare a se stessa e ai propri stakeholders.
Obiettivo del sistema di qualificazione e valorizzazione della produzione sostenibile è permettere che l’incontro fra domanda e offerta si basi sui VALORI della SOSTENIBILITÀ: una modalità che consenta all’azienda di differenziare l’offerta e presidiare il mercato, sottraendosi alla competizione di prezzo, deleteria per la redditività e per la qualità.
L’azienda individua i termini del proprio impatto ambientale, sociale ed economico, ascolta i bisogni degli stakeholders e definisce il piano di miglioramento e innovazione in conformità a obiettivi utili per migliorare le proprie performance e garantire una risposta sostenibile e duratura ai propri clienti/utenti.
Per aiutare le organizzazioni a raggiungere tali obiettivi, ICIM propone attività di validazione e certificazione della sostenibilità che possano garantire che i requisiti sostenibilità ambientali, sociali ed economici (come la riduzione degli impatti ambientali, l’uso efficiente delle risorse, la prevenzione e tutela della salute, la capacità di gestione equa e responsabile, il legame con il territorio e la sua storia, l’innovazione e la sana competizione) siano integrati nelle diverse fasi di gestione dell’azienda e per tutto il ciclo di vita della produzione attraverso la verifica della corretta implementazione dei processi di:

  • individuazione dei criteri di sostenibilità;
  • identificazione dei bisogni degli stakeholders;
  • miglioramento e monitoraggio;
  • comunicazione dei risultati ottenuti.

ICIM, in quanto Ente di terza parte indipendente, garantisce che la comunicazione sia trasparente e verificabile, requisiti indispensabili per catturare l’attenzione di consumatori sempre più responsabili.
Seguendo questo percorso, l’organizzazione sarà in grado di:

  • ottenere l’identificazione certa dei criteri della sostenibilità;
  • fruire di un sistema di verifica e attestazione della validità e dell’efficacia del piano di miglioramento e monitoraggio;
  • comunicare all’esterno i principi e i requisiti di sostenibilità con la possibilità di evidenziare la garanzia e la trasparenza dei dati e informazioni fornite perché validate da un Ente di parte terza indipendente;
  • ottenere benefici nei confronti degli stakeholders;
  • ottenere ritorni positivi in termini d’immagine.