Percorso ASMEDopo la stipula del contratto con ICIM in quanto AIA accreditata, il Fabbricante identifica, attraverso il portale Certification and Accreditation del sito ASME (rif. www.asme.org/shop/certification-accreditation), il programma di certificazione adeguato alla tipologia di fabbricazione e al mercato di riferimento, convenzionale e/o nucleare.

FASE INIZIALE
Il Fabbricante richiede la certificazione all’ASME e all’atto della domanda di certificazione, indica ICIM, in quanto AIA con cui ha stipulato il contratto, per la verifica dei propri prodotti
(rif. www.asme.org/shop/certification-and-accreditation/to-start-a-certificate-application)

FASE DI PREPARAZIONE
Il fabbricante sviluppa e implementa il proprio Programma Qualità adeguato allo scopo di certificazione.
ICIM segue il Fabbricante nella preparazione e implementazione del Programma Qualità e può svolgere un audit preliminare prima della visita certificativa ASME.

L’ATTIVITÀ SVOLTA DA ICIM COME AIA ACCREDITATA
ICIM procede all’ analisi e valutazione dei disegni /calcoli /qualifiche dei procedimenti di saldatura /piano ispezione/qualifiche del personale; alle attività di ispezioni e prove, monitoraggio, controllo dei processi; alla verifica della conformità ai requisiti del Codice e autorizzazione alla marcatura (stamp).

JOINT REVIEW O SURVEY (NUCLEARE)
Il Supervisore e l’Ispettore ICIM partecipano insieme al personale ASME alle attività di verifica presso il fabbricante. L’audit ASME dura dai 2 ai 5 giorni a seconda dello scopo di certificazione.

RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE
Sulla base delle risultanze dell’audit, il Conformity Assessment Department di ASME emette il certificato e invia il Marchio di Certificazione (stamp) al costruttore.
L’azienda certificata ASME, per ogni apparecchiatura da marcare secondo il Codice ASME, è soggetta a verifiche da parte di ICIM, in quanto AIA accreditata, con l’obiettivo di ottenere l’autorizzazione alla marcatura ASME della singola apparecchiatura.

La durata del percorso di certificazione è di circa 4/6 mesi.

Per maggiori informazioni: Andrea Camanni (tel. 02 725341, e-mail andrea.camanni@icim.it)